Uno sguardo più attento a Windows 10 Cloud | Report

Non ancora ufficializzata da Microsoft, la nuova versione Cloud del Sistema operativo di Redmond continua a mostrare le proprie caratteristiche e proporre scenari possibili.

Windows-10-Cloud-Report-1
Windows 10 Cloud è sempre più al centro dell'attenzione di critica ed appassionati, un po' perché rappresenta una novità assoluta nell'ecosistema Microsoft, un po' per il mistero che aleggia intorno alla nuova versione alleggerita del SO, viste le trapelazioni online seguite da nessun annuncio ufficiale.

Come abbiamo avuto modo di vedere, già in diversi Articoli recenti, Windows 10 Cloud è una versione del Sistema operativo Microsoft, scaricabile, installabile ed eseguibile su qualsiasi dispositivo Desktop/Tablet, anche con minimi requisiti hardware, senza Licenza né bisogno di attivazione, con, come caratteristica principale, l'impossibilità di eseguire Programmi Desktop Win 32, ma solo Software certificato, presente nel Windows Store.

Altra limitazione dell'Edizione, presente già come Build Insider, con la stessa numerazione delle ultime rilasciate ufficialmente da Microsoft ai partecipanti al programma di Feedback e Test, è rappresentata dall'assenza di strumenti avanzati come CMD o Regedit o funzionalità che richiedono hardware prestante, come il nuovo Portale Mixed Reality, disponibile con il Creators Update.

Windows-10-Cloud-Report-2
L'impossibilità di eseguire App al di fuori dal Windows Store e il divieto di mettere mano a File e chiavi di Sistema, inducono a pensare alla massima tutela di utenti medi contro ogni rischio di infezioni o gestione inappropriata del Sistema.
La mancanza di funzionalità che avranno tutti gli utenti delle altre edizioni di Windows 10, invece, da credito a chi vuole Windows 10 Cloud un'arma studiata da Microsoft per contrastare la diffusione di Chromebook, rilasciando agli OEM la versione alleggerita per i dispositivi meno dotati e a basso costo.

L'introduzione di questa nuova versione del Sistema operativo ci induce a fare dei ragionamenti e a provare a capirne il senso, almeno sino a delucidazioni ufficiali da parte di Microsoft, visto che il progetto OneCore e l'universalità di Windows 10, tanto voluta ed auspicata da Redmond ed utenti, stride con l'introduzione di una nuova Edizione, andando nella direzione diametralmente opposta all'unificazione.

Uno sguardo più attento a Windows 10 Cloud mi porta ad esaminare altri aspetti legati ad annunci ed introduzioni recenti, oltre a quelli che già vi ho citato poc'anzi.

E se Windows 10 Cloud sostituisse un'altra Edizione di Windows 10?

Gli aspetti fondamentali da analizzare, per provare a rispondere alla domanda che mi sono posto, sono diversi, convergenti tutti verso due probabili risposte affermative al quesito.

L'arrivo di Windows 10 su Piattaforme ARM, con la conferma, da parte di Microsoft, di essere al lavoro per introdurre sul mercato nuovi Dispositivi del segmento Mobile in grado di rivoluzionare il settore.

Una versione più leggera di Windows 10 che, al pari dell'attuale versione Mobile, si basa esclusivamente su App UWP, senza funzionalità avanzate e tipiche degli ambienti Desktop, sarebbe più consona ai - pur potenti - nuovi Processori Snapdragon e alle architetture ARM, ancora distante da una versione per PC ma staccata, nettamente ed in linea con gli annunci di grandezza dei dirigenti di Redmond, dall'attuale versione per Smartphone del Sistema.

Da non sottovalutare, inoltre, sempre verso questa direzione, l'implementazione degli Aggiornamenti Unificati UUP, identici per Smartphone e Desktop, con Download più leggeri anche del 65%.

Dunque, la prima risposta è:

Sì, Windows 10 Cloud potrebbe sostituire Windows 10 Mobile.

Ma, sempre stando ai miei ragionamenti odierni, del tutto personali, dati dalla curiosità del mistero che aleggia intorno agli ultimi eventi riguardanti Windows 10, la seconda risposta ci porta nuovamente agli ambienti per PC/Tablet del Sistema.

Notizia recente è l'introduzione di una nuova funzionalità, a partire dal Creators Update, che consente di bloccare l'esecuzione di App Desktop anche nelle versioni "normali" di Windows 10, trasformando il Sistema in una sorta di Windows 10 Cloud potenziato.

Altro indizio che mi conduce a darvi la seconda risposta e che si lega al successivo, è l'intenzione degli sviluppatori Microsoft di trasferire, gradualmente, tutte le funzioni CMD al Prompt PowerShell, più evoluto nell'Edizione Pro, rispetto alla più diffusa e gratuita, almeno in Aggiornamento da precedenti OS regolarmente Licenziati, Edizione Home.

Avete già capito dove voglio arrivare?

L'indizio successivo è che, stando sempre alle conferme trapelate online, Windows 10 Cloud, gratuito e senza necessità di attivazione, potrà essere aggiornato a Windows 10 Pro, pagando il costo della relativa Licenza.

Fra gli aspetti più contraddittori di Windows 10, come sostengo da sempre, vi è il divario di costo fra le Edizioni principali, Home e Pro, non giustificato, sopratutto nel passaggio dall'una all'altra, dalle poche e poco utili, se non in ambienti aziendali, funzionalità supplementari presenti nell'edizione più costosa, rispetto alla "base".

Costo sicuramente corretto, invece, quello che avrà la Licenza che consentirà di aggiornare Windows 10 Cloud a Windows 10 Pro.

Dunque:

Sì, Windows 10 Cloud potrebbe sostituire Windows 10 Home.

Se l'ipotesi che ho appena paventato dovesse essere confermata, ovviamente, Windows 10 Cloud per quel tempo sarà molto diverso da ciò che stiamo vedendo in questi giorni, visto che, allo stato attuale, è sicuramente un Sistema operativo deficitario, rispetto a Windows 10 Home, che ha tutto ciò che serve per poter operare con un moderno Dispositivo, in ogni ambito e, più o meno, in ogni circostanza o esigenza.



O, almeno, è ciò che mi auguro, altrimenti Windows 10 non sarà più il primo Sistema operativo gratuito, ma il primo Windows profumatamente costoso, almeno per Utenti esperti, esigenti o che con il PC ci lavorano (non solo le aziende), costretti ad upgradare i loro Device Home a Pro o ad acquistare nuovi PC, con Windows 10 Pro integrato, a prezzi maggiorati, non per l'Hardware presente bensì per il Software in dotazione.

Rivoluzione totale anche per tutto il mercato Consumer, orchestrata da Microsoft, e non solamente per il segmento Mobile, come ampiamente annunciato.

Naturalmente, e per onestà intellettuale, se le mie ipotesi rimanessero campate in aria e Windows 10 Cloud sarà, a tutti gli effetti, una nuova Edizione del Sistema operativo, a disposizione di Produttori, Sviluppatori ed Utenti, a beneficiarne saranno, sicuramente, i milioni di clienti Windows che utilizzano il PC per navigare in Internet, giocare e svolgere altre azioni base, con una diminuzione dei costi di acquisto dei dispositivi, una maggiore sicurezza verso codici malevoli, nessuna azione di diagnosi, modifica o manutenzione manuale da dover svolgere.

Ai posteri (e ai lettori di HTNovo) l'ardua sentenza.

Grazie per l'attenzione e Restate in ascolto!

                                 Jo Val - Microsoft Community Moderator and Wiki Author.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License
Jo Val - Microsoft® Community Moderator and Wiki Author.